La Villa

La prestigiosa villa Castelbarco  si trova a Vaprio d’Adda, in provincia di Milano, lungo il Naviglio della Martesana ed il fiume Adda. La sua peculiarità è data dal fatto di riuscire a mitigare presente e passato, unendo praticità e funzionalità ad un’elegante cornice architettonica dal gusto antico.

Piano terra
Al piano terra si trovano diverse sale tra cui la splendida Sala del Galoppatoio, che un tempo era utilizzata come arena per cavalli, mentre ora è un esclusivo salone con il plafond interamente affrescato. Perfetta per una cena di Gala o un cocktail dopocena per godere della compagnia degli amici mentre si ammirano gli incantevoli dipinti e ci si immerge nell’antica atmosfera della villa.

La Sala Scuderia si contraddistingue per il soffitto a volta e la linearità, unici nel loro genere. Sala molto romantica che ricrea l’ambiente suggestivo delle ville di un tempo; molto indicata per una cena intima avvolti da un’aria magica.

Adiacente alla sala Scuderia si trova la Terrazza sul Bosco che sovrasta la fresca passeggiata nel parco secolare offrendo una vista spettacolare sull’immenso parco.

Molto particolare è la Sala Limonaia, antico alloggio di piante da frutta, con pavimento in lastroni di pietra serena e soffitto in legno a cassettoni. È caratterizzata da ampie vetrate che si affacciano sugli affascinanti giardini all’italiana.

Sempre al piano terra si trovano la Sala Galleria, un elegante locale dal gusto essenziale che si contrappone al contesto in cui è inserita e la Sala Biblioteca, una volta tempio della lettura e della meditazione. Molto caratteristica grazie alla una boiserie di noce con un grande camino sapientemente decorato e sormontato dallo stemma nobiliare del casato.

Segue la Sala Azzurra, originariamente grande sala da pranzo del Conte, caratterizzata da un pavimento in pregiati legni ad intarsio, pareti in stucco veneziano azzurro (da cui viene il nome della sala) e soffitto con delicati stucchi decorativi. La Sala Camino, dove anticamente pranzava la famiglia del Conte, presenta  un grande camino in pietra e un soffitto interamente affrescato che mostra gli antichi giardini di un tempo.

Attiguamente si trova la Sala del Conte, l’antica dimora del Conte, costituita da sei eleganti sale che si susseguono creando un’ambientazione molto originale.

Al centro è ubicata l’ampia Sala del Colonnato, dove la presenza di affreschi originali sul soffitto lascia intuire l’antica struttura suddivisa in stanze, ora è divenuta una sala unica con vista sulla corte d’onore.

I Sotterranei
Negli splendidi sotterranei si possono ammirare le gallerie decorate, fatte scavare dal Conte Carlo Castelbarco negli anni 1835 – 1838, che rappresentavano una delle attrattive principali della Villa. Sono composte da cinque sale a tema: la sala romana, in cui si possono contemplare numerose antichità provenienti dagli scavi di Roma e dal Lazio. La sala marittima, con le pareti ricoperte di conchiglie rarissime, dove si trovano diverse statue tra cui quella del Dio Nettuno. Nella sala rinascimentale o raffaellesca, sopra una pregiata ara romana si erge una meravigliosa statua di Ercole col corno dell’abbondanza strappato da lui al fiume Achelòs, circondata da diversi busti e medaglioni coi profili degli imperatori. La sala egizia, che mostra una deità dell’epoca dei Faraoni, con la testa di leone ed il rimanente del corpo in forma umana, e di rispetto una tomba ed un cippo con l’iscrizione in egizio antico, alcune sfingi e colonne istoriate. Infine nella sala etrusca spicca il busto di Cleopatra, che in realtà si dovrebbe spostare nella sala precedente, attorniato da molti vasi di terracotta, otri, stoviglie ed altri oggetti trovati negli scavi toscani e disposti in ordine su tavoli di pietra e sul pavimento.

Dopo queste cinque sale, si entra in un Oratorio sul cui altare poggiano quattro candelabri di marmo, con in mezzo una croce di lapislazzuli e una graziosissima testa di bambino, sempre in marmo, con un pugnale conficcato nella gola. Sotto il tavolo si trova un altro bambino in marmo finissimo.

Esterni
L’esterno dell’edificio è caratterizzato dal sistema dei tre cortili e dai giardini all’italiana lungo l’ala sud; qui si trova la Terrazza sul Naviglio da cui si può godere di una splendida vista panoramica sulla ruota idraulica Leonardesca, sul canale Martesana e sull’adiacente fiume Adda. Inoltre la villa è circondata da un vastissimo parco di ottocento metri quadrati, dove si possono scorgere animali quali cervi e daini in libertà e godere della quiete della natura.

rfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-sliderfwbs-slide